Progettualità d’autore: una casa da architetto

Continuano le nostre incursioni nei progetti d’autore. Dopo l’interno vintage, vi presentiamo una casa da architetto dove la scelta progettuale è stata incentrata tutta sul colore.
Il risultato? Vero minimalismo estetico, raccontato nella nostra intervista dall’architetto Lorenzo Carrano. Foto a cura di Mario Ferrara

Qual è stata l’ispirazione per questo progetto?

Tutto è partito da un concept, che abbiamo identificato come total white.
Tutti gli spazi sono stati valorizzati da scelte cromatiche, materiali innovativi e approccio a un design minimal. L’abitazione è suddivisa in più livelli e abbiamo accostato colori decisi a spazi total white per accentuare la separazione degli spazi.
Questo progetto è nato proprio da un’ispirazione e questo ci ha permesso di realizzare tutto in soli 4 mesi.

Come sono stati decisi gli accostamenti cromatici?

La scelta dei colori è venuta in seguito alla scelta degli arredi. In fase progettuale abbiamo cercato di non distaccare molto l’arredamento da quelli che sono i rivestimenti, per questo l’approccio minimal.
Abbiamo scelto colori forti soprattutto per gli spazi connettivi come le scale.
colori, infatti, danno un’immagine di chiusura, mentre il bianco è stato utilizzato in quegli spazi che necessitavano di maggiore ampiezza.
L’equilibrio dei colori ha avuto un ruolo determinante per dare equilibrio agli interni.

Quali materiali sono stati utilizzati?

Un’altra parola chiave di questo progetto è la sperimentazione.
Per gli spazi connettivi e anche per i bagni abbiamo utilizzato delle resine. L’idea era quella di dare uniformità allo spazio e trasformare la stanza, come quella da bagno, in un unico monoblocco dando l’idea di un pezzo d’arredo.

Oltre alle resine, quali altri materiali sono stati utilizzati?

In netto contrasto con le resine multi-cromatiche ci sono i pavimenti in parquet con il loro aspetto vintage della Bauwerk.
Questa scelta, che può sembrare in netta contrapposizione con il minimalismo degli spazi, è stata voluta per equilibrare quelli che sono gli spazi vitali della casa.
Si tratta degli spazi di vita vissuta, dove la semplicità del pavimento in legno va ad equilibrare scelte cromatiche forti.



 

Progetto a cura di: arch. Lorenzo Carrano

Foto credits: Mario Ferrara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *